Chi era Falcone, e quello che abbiamo imparato prima e dopo quel 23 maggio

| Italia 23 maggio, antimafia, Buscetta, Capaci, Falcone, Francesca Morvillo, mafia, maxiprocesso e strage di Capaci

Avevo dodici anni il 23 maggio 1992, quando morì Giovanni Falcone. A scuola, la mia insegnante di lettere ci assegnò una ricerca

Maria Flavia Timbro

Avvocato messinese, responsabile nazionale legalità e lotta alle mafie di Articolo Uno, componente del partito siciliano è impegnata nel coordinamento provinciale della sua città. Militante appassionata, si batte porta per porta, strada per strada, per cambiare il mondo prima che il mondo cambi lei.

LEGGI L'ARTICOLO

Quarantun anni dopo Peppino Impastato, la mafia sempre a cento passi da noi

| Italia 9 maggio, Cento Passi, Impastato e mafia

Per una siciliana della mia generazione, il 9 maggio è una data difficile da dimenticare: il dolore per la storia di Peppino resta un pugno sempre forte nello stomaco

Maria Flavia Timbro

Avvocato messinese, responsabile nazionale legalità e lotta alle mafie di Articolo Uno, componente del partito siciliano è impegnata nel coordinamento provinciale della sua città. Militante appassionata, si batte porta per porta, strada per strada, per cambiare il mondo prima che il mondo cambi lei.

LEGGI L'ARTICOLO

“Ricostruire” l’impegno antimafia nel nome di Pio La Torre

| Italia antimafia, costituzione e La Torre

Serve il rigore della ricerca e della conoscenza che caratterizzò l’impegno di Pio La Torre. Un legame forte con il territorio, fuori da luoghi comuni e sentito dire, che diventa lettura di fenomeni e capacità di costruzione di alleanze.

Domenico Siracusano

Nato a Messina 27 Novembre 1974 militante e dirigente dei Ds e del Partito democratico. Dalla fondazione di Articolo Uno, svolge il ruolo di Coordinatore Provinciale di Messina e, da qualche mese, è Responsabile Organizzazione del movimento in Sicilia. Da sempre impegnato nel mondo dell'associazionismo sui temi della pace, dei diritti umani e della lotta alle mafie.

LEGGI L'ARTICOLO

Ci possiamo salvare, ecco come. Lettera ai bambini di Taranto

| Italia Bambini, Ilva e Taranto

Molti di voi hanno sfilato per la città – il 25 febbraio scorso – perché molti bambini sono stati male a Taranto. Alcuni non sono più venuti a scuola.

Gabriele D'amico

Torinese, avvocato, appassionato di diritto ed economia della cultura, dottorando fra Berlino e Gerusalemme in diritti umani e diversità culturale. Consapevolmente olivettiano, credo nella capacità umana di superare la gregarietà del sistema limbico e ragionevolmente spero in un futuro di sviluppo umano integrale.

LEGGI L'ARTICOLO

“È al presente che si resiste“. Addio a Francesco Berti, partigiano

| Italia Berti, Biagi, Bologna, partigiani, Partigiano e Resistenza

Amava ripetere: “Noi non dobbiamo fare dei piagnistei sugli amarcord, ma parlare al presente, perché oggi è al presente che si resiste”.

Marco Macciantelli

Allievo di Luciano Anceschi, dottore di ricerca in Filosofia, già coordinatore della rivista “il verri”, agli studi e alla pubblicazione di alcuni libri ha unito l'impegno politico di amministratore pubblico.

LEGGI L'ARTICOLO

C’è un’altra “T’aV”, di cui vergognarsi. Lettera al 65 per cento del Pil italiano

| Italia amianto, Boccia, confindustria, morti sul lavoro, pil, tav e torino

La domanda non è quanti morti le vostre aziende hanno prodotto, è perché voi, paladini dello sviluppo, non lottate con egual slancio per la TAV e per i risarcimenti

Gabriele D'amico

Torinese, avvocato, appassionato di diritto ed economia della cultura, dottorando fra Berlino e Gerusalemme in diritti umani e diversità culturale. Consapevolmente olivettiano, credo nella capacità umana di superare la gregarietà del sistema limbico e ragionevolmente spero in un futuro di sviluppo umano integrale.

LEGGI L'ARTICOLO

Qui Baobab, più che uno sgombero una vendetta del ministro dell’Odio interno

| Italia Baobab, Casapound, immigrati, roma, ruspe e Salvini

Di fronte a una manovra che avrà effetti nulli sull’economia reale, l’obiettivo di Salvini è provocare uno shock a catena sulle politiche di sicurezza.

Arturo Scotto

Nato a Torre del Greco il 15 maggio 1978, militante e dirigente della Sinistra giovanile e dei Ds dal 1992, non aderisce al Pd e partecipa alla costruzione di Sinistra democratica; eletto la prima volta alla Camera a 27 anni nel 2006 con l'Ulivo, ex capogruppo di Sel alla Camera, cofondatore di Articolo 1. Laureato in Scienze politiche, ha tre figli.

LEGGI L'ARTICOLO

“Non buonisti, ma civili”: alcune riflessioni su Lodi e il diritto (di tutti) alla scuola

| Italia Bersani, diritto allo studio, immigrati, immigrazione, Lodi, scuola e stranieri

Il quadro normativo è preciso: la preoccupazione delle istituzioni dovrebbe essere non di escludere, ma di non includere abbastanza

Marco Macciantelli

Allievo di Luciano Anceschi, dottore di ricerca in Filosofia, già coordinatore della rivista “il verri”, agli studi e alla pubblicazione di alcuni libri ha unito l'impegno politico di amministratore pubblico.

LEGGI L'ARTICOLO

Storpi dentro: Chiara a Miss Italia e quello che stiamo diventando

| Italia Chiara, Chiara Bordi, Miss Italia e storpia

Gli insulti a Chiara Bordi sono ciò che stiamo diventando. Invidiosi, frustrati, pronti a scattare a ogni variazione della noiosa routine che chiamiamo “normalità”

Gabriele Grosso

Lavoratore millennial, classe 1990. Project Manager e Operations Specialist per Talent Garden. Metà vita a Milano, metà a Napoli, e una spolverata di Veneto. Sempre amato capire come le cose funzionano, dagli atomi alla politica. Fanatico dell’azione, convinto che una sola parola, al posto e nel momento giusto, possa cambiare tutto.

LEGGI L'ARTICOLO