Scotto: LeU non è finita, fare l’ennesimo cartello delle sinistre sarebbe la fine

Daniela Preziosi, Il manifesto

Se la strada è il cartello elettorale, non credo sia quella che vuole Grasso, ma certo non è la nostra. A quel punto ci impegneremmo per una forza autonoma. Lo abbiamo detto in tutte le salse: il Pd non è il nostro approdo, il Pd ha esaurito la sua funzione storica. Quindi non so a chi si rivolga Grasso. Chi ha il compito di dirigere lavora per tenere dentro forze, non per spingerle fuori. Occorre una riflessione autonoma sull’Europa, noi siamo dentro una ricerca che riguarda tutte le sinistre europee e mondiali, e che deve avere un profilo ecologista e socialista. Lanciare ultimatum su questo non serve.

LEGGI L'ARTICOLO

Panzeri: LeU è finita, un appuntamento pubblico per decidere la via

Daniela Preziosi, Il manifesto

Serve coraggio per aprire una riflessione per capire perché il progetto di LeU non ha ricevuto il consenso aspettato e perché l’idea si è arenata. Decisive sono state le profonde differenze su punti sostanziali: l’idea che abbiamo di Europa, la collocazione nella famiglia politica e i rapporti con il Pd. Tutti nodi che dovevamo sciogliere nei mesi scorsi, in modo da aprire un processo fondativo serio e radicato su fondamenta condivise e una cultura politica comune. Non è andata così. Ma a questo punto immaginare di ripresentarsi senza cambiare rispetto al 4 marzo, togliendo LeU dalla naftalina per le europee, penso che non sarebbe comprensibile neanche per i militanti. La mia opinione è che serve un appuntamento politico nelle prossime settimane per decidere la via da seguire. Trascinare la situazione attuale sarebbe un suicidio politico, nemmeno assistito. 

LEGGI L'ARTICOLO

Guerra: un premio Nobel per riflettere sugli stupri di guerra

Maria Cecilia Guerra, Huffington Post

L’attribuzione del premio Nobel per la pace 2018 a Nadia Murad e a Denis Mukwege porta all’attenzione della comunità mondiale un tema troppo a lungo rimosso. Nell’ambito dei conflitti armati, lo stupro non è solo un attacco al corpo della donna, ma anche una violenza, uno sfregio, una umiliazione rivolta a uomini, a religioni e culture, a interi gruppi etnici che in una certa visione di quel corpo si identificano: un’arma di guerra. Che esercita i suoi nefasti effetti ben oltre il tempo della guerra.

LEGGI L'ARTICOLO

D’Alema: Lula martire di una democrazia sequestrata, il futuro è in mano alle donne

Umberto De Giovannangeli, Huffington Post

Le elezioni in Brasile sono un test molto importante non soltanto sulla democrazia brasiliana, ma anche per capire dove va questa parte del mondo. Tenendo conto, in più, che la sinistra brasiliana non è populista. Lula ha dato ai poveri brasiliani coscienza di sé e della propria forza. Altrimenti è inspiegabile il rapporto che lui ha con il popolo. Se Haddad andrà al ballottaggio, può vincere. Le donne si sono mobilitate contro la deriva sessista di Bolsonaro e sabato scorso hanno riempito le piazze con lo slogan “Quello no”.

LEGGI L'ARTICOLO

Guerra: gli errori del reddito di cittadinanza. I poveri non stanno sdraiati sul divano

Maria Cecilia Guerra, Il Fatto quotidiano

La povertà non è sempre e non è solo legata a mancanza di lavoro. Le politiche di contrasto non vanno affidate ai centri per l’impiego, ma ai comuni. Non si può davvero credere che le politiche attive del lavoro possano fare miracoli (“abolire la povertà”): la disoccupazione non dipende, se non in misura marginale, dalla scarsa volontà o informazione degli individui circa le opportunità di lavoro presenti nel mercato del lavoro locale. Rendere punitive queste politiche, perseguendo l’inserimento lavorativo a qualsiasi costo, rischia di favorire la proliferazione di forme di lavoro senza dignità, precarie e mal retribuite, e di rafforzare, invece che rompere, il circuito del lavoro povero.

LEGGI L'ARTICOLO

D’Alema: contro Lula una manovra delle élites, ma il Brasile è con lui

Matteo Bianchi, Il Dubbio

È in atto una controffensiva di classe, ma le democrazie hanno anticorpi e il contesto internazionale è meno incline di un tempo a sopportare eventuali torsioni autoritarie. Sembra paradossale ma un uomo oggetto di una campagna demolitrice portata avanti da un’informazione di una faziosità incredibile, è per la maggioranza dei brasiliani un leader rispettato e da seguire. Haddad, “il candidato di Lula”, può tenere a sinistra e rassicurare il centro moderato. C’è anche una forte reazione democratica della società brasiliana ed è guidata dalle donne.

LEGGI L'ARTICOLO

Speranza: alle europee niente ammucchiate, serve una proposta laburista

Roberta D’Angelo, Avvenire

Fare ammucchiate senza un punto di vista chiaro favorisce solo quelli che vogliamo sconfiggere. Vorrei una proposta riconoscibile di sinistra: Renzi ha firmato un appello con Ciudadanos, io in Spagna guardo a Sanchez, a una forza di ispirazione socialista-laburista. Quel numeretto che Salvini e Di Maio continuano a sventolare, il 2,4, da solo non dice nulla. È surreale che il Def non abbia ancora un testo. Il punto è se usi le risorse per far ripartire il Paese o come sembra solo per pagare l’obolo delle promesse elettorali. Continua a non essere smentita l’ipotesi di tagli al welfare, in particolare alla sanità, e il paese paga la rincorsa a chi fa più propaganda. La scena del balcone di Palazzo Chigi è il simbolo di una politica che guarda solo gli interessi di partito.

LEGGI L'ARTICOLO