Fornaro: il proporzionale è un “abito su misura” giusto per questa fase

Mara Montanari, Adnkronos

Non esistendo una legge elettorale perfetta, bisogna sempre pensare quale sia il vestito migliore per il momento attuale e credo che in questa fase il proporzionale possa essere l’abito su misura per un’Italia lacerata in cui ulteriori elementi di compressione della rappresentanza aggraverebbero la situazione. E’ giusto che ci siano correttivi anti-frammentazione. Equilibrio è la parola chiave. Equilibrio tra rappresentanza e un Parlamento che deve essere messo nelle condizioni di funzionare bene. Non possiamo pensare di azzerare la possibilità di scegliere da parte degli elettori, approfondiremo dimensione circoscrizioni e modalità di scelta e selezione dei candidati.

LEGGI L'ARTICOLO

Speranza: sanità, nuove assunzioni. Analisi anche in farmacia

Mauro Evangelisti, Il Messaggero

Nuove assunzioni nella sanità, più risorse per ammodernare macchinari e immobili. D’accordo con le regioni, la quota aggiuntiva del fondo sanitario nazionale è stata raddoppiata da uno a due miliardi di euro. E la parte per il personale sale al 15 per cento. Detta in estrema sintesi, abbiamo moltiplicato per sei la possibilità di spendere per le assunzioni. Grazie a un emendamento approvato al senato, si potrà attingere dalle graduatorie esistenti. Così i tempi saranno molto più rapidi. E allarghiamo le maglie della legge Madia per la stabilizzazione dei precari. Faremo un cospicuo investimento per aumentare le borse per le specializzazioni dei laureati in medicina. Sfruttare la rete di 50 mila studi medici e 19 mila farmacie per le analisi. Vigilanza attenta sui rifiuti di Roma.

LEGGI L'ARTICOLO

Conte: riforma del processo subito, confido nel “lodo Conte”

Daniela Preziosi, Il manifesto

A nome del gruppo LeU ho chiesto al ministro Bonafede di trovare una mediazione prima che entri in vigore la norma votata, vale ricordarlo, da M5S e Lega e che tre su quattro forze dell’attuale maggioranza non vogliono. Oppure di rinviare l’entrata in vigore della riforma. Sarebbe la cosa più ragionevole per discutere con calma di un equilibrio costituzionale a tutela dei cittadini. Noi e il Pd abbiamo dato l’ennesima prova di lealtà. LeU presenterà una proposta la prossima settimana. Quella di Conte è una indicazione politica che fa ben sperare. La maratona dei penalisti interpreta una richiesta di civiltà. Non regaliamo questa battaglia alle destre, anche perché la Lega quella norma l’ha votata.

LEGGI L'ARTICOLO

Scotto: il caso Open è un nodo politico, corriamo il rischio impopolarità

Arturo Scotto, Huffington Post

Smantellare il finanziamento pubblico non ha fatto che indebolire la nostra democrazia fondata sui partiti, rendendoli sempre più subalterni e ininfluenti. Dunque è necessario ritornare laddove si è consumato questo delitto democratico a discuterne senza tabù e senza la paura di essere impopolari. Ripartiamo da qui e lasciamo le commissioni di inchiesta a chi vuole buttare tutto in caciara. Il renzismo non è solo la storia di una leadership di successo, ma il tentativo di un pezzo del nuovo capitalismo italiano di impadronirsi della cabina di comando del fronte progressista, trasformandolo in un inedito blocco sociale a sostegno di riforme liberali e antisindacali. Per questa operazione “di classe” servivano mezzi e risorse, non soltanto la parlantina efficace e avvolgente dell’ex sindaco di Firenze o la bravura organizzativa del suo “giglio magico”. E serviva inevitabilmente anche un campo grande “da arare” come il Pd, che evidentemente aveva perso molti anticorpi durante la lunga transizione da un’identità post-comunista alla terza via neoliberista. Dunque, a mio avviso, il nodo non è solo giudiziario, ma politico. Un partito potenzialmente scalabile dall’esterno può essere una garanzia per la tenuta democratica di un Paese? O inevitabilmente rischia di perdere autonomia e forza rispetto alla pervasività di corporazioni economiche e finanziarie mai così potenti e capaci di assumere direttamente il controllo della politica e delle istituzioni? Se vogliamo restituire all’Italia una democrazia autonoma e sovrana il tema di come si finanziano i partiti in maniera trasparente è urgente, forse persino più urgente della legge elettorale.

LEGGI L'ARTICOLO

Guerra: il problema non è il Mes, ma le garanzie che mancano nell’Ue

Rocco Vazzana, Il Dubbio

Il problema non è la riforma del Mes, semmai, ciò che manca da quella riforma. La possibilità di richiedere la ristrutturazione del debito c’era prima e c’è ancora adesso, non è diventata più probabile. È vero che nella formulazione attuale ci sono dei punti che rendono più esplicita l’ipotesi della ristrutturazione, ma non più probabile. È solo una questione di procedure più chiare. Il punto più critico, semmai, riguarda l’assenza di un tema dirimente come la mutualizzazione del debito. Che non significa far gravare il proprio debito pubblico sulle spalle di altri Paesi, ma creare una rete di sostegno europea più ampia, come faceva fino a poco tempo fa la Bce. I 5 Stelle stanno attraversando una fase di travaglio interno che li mette in difficoltà. Ma stanno lavorando per superarlo. Nel governo c’è un confronto franco, ma non ho mai percepito insofferenza da parte di nessuno. I motivi per cui noi di Articolo Uno siamo usciti dal Pd sono molto seri e non esiste l’ipotesi di un ritorno. Semmai proveremo a stimolare anche i militanti dem a rilanciare insieme un soggetto nuovo di centro sinistra più radicale contro le diseguaglianze. Auspichiamo che ci sia una rinascita e una ricostruzione tutti insieme. Ma in un contenitore diverso.

LEGGI L'ARTICOLO

Guerra: ripensare la stretta su auto e plastica, più tempo su uso contante

Lorenzo Salvia, Il Corriere della Sera

Fermo restando che ibride ed elettriche restano del tutto fuori dalla stretta, si potrebbe disegnare un intervento più leggero per le auto meno inquinanti. Così il principio generale verrebbe salvaguardato. Ma lo potremmo raggiungere attraverso gradini meno impervi. La plastic tax c’è in molti Paesi europei, credo che potrebbero essere esclusi i prodotti monouso che contengono plastica riciclata, oltre a quella compostabile che è già esentata. E si potrebbero rafforzare gli incentivi, già previsti, per le aziende che riconvertono il loro sistema produttivo dalla plastica tradizione a quella riciclabile o compostabile. Condivido assolutamente l’obiettivo di una transizione verso i pagamenti elettronici. Ma, considerato che si interviene su abitudini consolidate degli italiani, credo si possa procedere con una maggiore gradualità. Credo che il problema fondamentale sia il potenziamento dei fondi del piano per le non autosufficienze. Oggi se hai una pensione bassa è un problema grave, ma se ti devi fare anche aiutare diventa una tragedia. Se ne parla poco, ma le situazioni di vero disagio sono in aumento.

LEGGI L'ARTICOLO