Errani: domani a Bologna, uniti per fermare la destra in Emilia Romagna

Giovanna Casadio, la Repubblica.it

La maggioranza giallo-rossa ha un progetto di cambiamento, non si può continuare con le polemiche, diversamente la destra avanzerà. Ci sono cose da cambiare in Emilia Romagna anche rispetto a quelle che ho fatto io? Certo, economia e società si sono trasformate. E Bonaccini, come tutti noi sappia vedere i problemi con umiltà e capacità d’ascolto. La plastic tax non può essere lineare, deve essere differenziata rispetto alla qualità e alle caratteristiche dei prodotti. Un governo che propone di eliminare 23 miliardi di aumento dell’Iva, 3 miliardi di cuneo fiscale a favore dei lavoratori e mette al centro la lotta all’evasione non può essere indicato come il governo delle tasse: è una fake news. Detto questo, utilizzare la leva fiscale per comportamenti virtuosi non è affatto sbagliato. A Bonaccini che ha fatto bene in questi anni e a tutti noi dico: la narrazione del “tutto bene” non è convincente. Noi aiuteremo il nuovo centrosinistra con una lista civica ecologista e progressista aperta, che presentiamo sabato in un’assemblea a Bologna, con Elly Schlein, Silvia Prodi, Igor Taruffi. È una lista che punta a interpretare la rivoluzione tecnologica, la crisi climatica e la lotta alle disuguaglianze.

LEGGI L'ARTICOLO

Speranza: l’Ilva non può chiudere, pronti a tutto per salvarla

Francesca Schianchi, La Stampa

La strada ora è l’interlocuzione con Mittal. Ma bisogna fare di tutto per salvare le acciaierie, nessuna ipotesi può essere esclusa. La soluzione peggiore sarebbe la chiusura: per evitarlo, anche una partecipazione pubblica è possibile nell’interesse del Paese. Non permetteremo mai la chiusura delle acciaierie di Taranto. Vorrei che fosse una battaglia comune a tutte le forze politiche e sociali. Questa alleanza non è nata solo per rispondere a un’emergenza, ma ha una responsabilità politica: quella di contribuire alla crescita del Paese a partire dalla lotta alle diseguaglianze. Non siamo un governo tecnico: per questo credo che sia un’alleanza che dovremmo ripetere sui territori. La foto di Narni va ripetuta fuori dagli appuntamenti elettorali. Dobbiamo andare insieme a raccontare il senso della manovra, a dire che abbiamo tolto 26,5 miliardi di tasse, di cui 23 di Iva, tre per il taglio del cuneo fiscale e 500 milioni per l’abolizione del superticket. E invece passa l’idea inaccettabile della manovra delle tasse. Il governo all’unanimità dovrebbe rivendicare la manovra. Questo significa essere una coalizione politica e non sentirsi dentro a una parentesi.

LEGGI L'ARTICOLO

D’Alema: rimpiango il Pci, esperienza straordinaria, non l’Urss

Alessandro De Angelis, Huffington Post

Del 9 novembre ricordo un senso di liberazione, perché anche se le prospettive apparivano incerte, la sinistra si liberava di un enorme fardello. Vale quello che mi disse qualche anno dopo Gorbaciov, quando gli chiesi se non si dovesse essere più prudenti. Lui mi rispose: “No, quel mondo andava abbattuto perché l’identificazione con quei regimi era un peso insostenibile per la sinistra”. In realtà, storicizzando, si deve riconoscere che il momento in cui la prospettiva di una riforma dei paesi dell’Est viene sconfitta fu a Praga. E già negli anni Settanta era in atto un processo di ossificazione di quei regimi, accelerata dalla crisi petrolifera e dall’innovazione tecnico-scientifica nel mondo occidentale, mentre il mondo sovietico era fermo. Dal punto di vista dell’esperienza umana, il Pci è stata una esperienza straordinaria. È questo che rimpiango. Certo non l’Urss. Tutte le volte che andavamo dall’altra parte del Muro la nostra naturale collocazione era dalla parte del dissenso. Io scesi in piazza contro i carri armati sovietici. E non a Roma, ma a Praga. Ora io penso che il grande problema dell’Occidente sia lo sradicamento della sinistra dal suo popolo. E il punto è costruire una sinistra che riprenda una capacità di rappresentanza politica del lavoro. Il Pci non è mai stato il partito dei poveri, ma dei lavoratori, e per ricostruire un rapporto con il lavoro occorre una critica del capitalismo. Il movimento dei giovani sul clima lo è.

LEGGI L'ARTICOLO

Speranza: folli gli attacchi di Renzi, non si sta al governo con un piede fuori

Alessandro Trocino, Il Corriere della Sera

Rimettere in discussione Conte ora sarebbe un errore clamoroso, senza senso. La cosa più folle e più sbagliata oggi è parlare di noi e non delle cose da fare nel Paese. Questa polemica quotidiana ci fa male, perché fa il gioco della destra. Voglio dire a Renzi, ma anche a tutti gli altri, che stare al governo non è uno scherzo, è una battaglia che si combatte se sei convinto che c’è un progetto di Paese da realizzare. Non puoi stare al governo con un piede dentro e uno fuori. Ricordiamoci che questa legge di bilancio non la voleva fare nessuno. C’erano 23 miliardi di clausole di salvaguardia e abbiamo evitato che scattassero, con una mazzata vera e propria per famiglie e imprese. Non era affatto scontato. E siamo stati i primi che non solo paghiamo le clausole del passato, ma non le mettiamo per il futuro. La tassa peggiore che c’era, quella sul superticket, l’abbiamo abolita. Dieci euro per le visite specialistiche, che ora non ci sono più. Significa abbassare la diga di accesso alle cure per tanti. Sui singoli provvedimenti discuteremo in parlamento, ma la discontinuità c’è, anche sull’immigrazione.

LEGGI L'ARTICOLO

D’Alema: ortodossia o alternativa, il bivio della socialdemocrazia europea

Massimo D’Alema, Italianieuropei

Il voto tedesco ci racconta del lento logoramento subìto da forze che per troppo tempo hanno condiviso la responsabilità del governo di Grande coalizione. Oggi la socialdemocrazia europea si trova di fronte a un bivio: stare sul terreno dell’ortodossia e formare coalizioni in cui normalmente porsi come junior partner dei conservatori, oppure giocare la carta dell’alternativa, puntando a costruire un rapporto con forze nuove che, pur se spurie e con alcuni tratti di populismo ed elementi di critica radica­le, stanno crescendo nella società e si caratterizzano non tanto per un generico e intransigen­te antieuropeismo, quanto per le circostanziate critiche che riservano all’attuale modus operandi dell’UE. Di fronte alla scelta tra queste due alternative tendo a preferire la seconda, quella che si adope­ra per la ricostruzione della sinistra, per la crea­zione di una vasta area progressista, che impone di misurarsi con nuovi elementi di radicalità nel campo ambientalista o della critica femminista, e che soprattutto richiede uno sforzo comune per sviluppare un progetto di radicale rinnova­mento e rilancio del processo europeo.

LEGGI L'ARTICOLO

Bersani: l’Emilia vale più di un governo. I 5 Stelle da soli? Idea balzana

Monica Guerzoni, Il Corriere della Sera

C’è chi, come di Maio, coltiva questa balzana idea che si possa fare da soli, restando ciascuno a casa sua. Invece bisogna creare una novità che faccia dire “non sono il Pd, la sinistra e il M5S di prima”. Una fase costituente che consenta, senza abiure, di aggregare forze e costruire una piattaforma nuova, che dica dei sì su lavoro, ambiente, fisco. Su quella base incrociare il M5S, che a sua volta deve creare un meccanismo di partecipazione vero. Dalle mie parti si sarebbe chiamato congresso, loro lo chiamino come vogliono. Sempre che non preferiscano restare attaccati alle decisioni verticalizzate di un capo che ha un peso sulle spalle sproporzionato. L’elettorato grillino ha in mano una bella responsabilità. È indecente che una regione che vale più di un governo venga presa in ostaggio per una resa dei conti nazionale. Non ne voglio neanche parlare di cosa sarebbe chiudere bottega di una delle sale macchina del riformismo. La sinistra deve ricordare che i risultati innegabili di quella regione sono il frutto di una specializzazione nel coraggio del cambiamento, che persino la destra ci riconosce.

LEGGI L'ARTICOLO