Bugani: il Pd come una squadra in fondo alla classifica, serve una scintilla

Eleonora Capelli, la Repubblica

Tutta la comunità di Articolo Uno è impegnata in questa costituente, a partire dal nostro segretario Roberto Speranza che è addirittura garante del percorso. Credo che non si possa stare a guardare, le sinistre sono in crisi anche in Europa e se non si fa uno sforzo ora si finirà per essere tutti complici delle destre retrograde e anacronistiche. L’isolamento del M5S in questo momento mi sembra davvero surreale. Come diceva Berlinguer “ci si salva e si va avanti se si agisce insieme e non solo uno per uno”.

LEGGI L'ARTICOLO

Visco: i condoni della manovra sono a perdere, ci rimettiamo 1,6 miliardi

Carlo Di Foggia, Il Fatto quotidiano

I condoni sono misure contro lo Stato, disincentivano la fedeltà fiscale, ma è la prima volta che si fanno rimettendoci i soldi. Quelli in manovra causeranno un buco già nel 2023. Tremonti i condoni li faceva per incassare, qui invece siamo noi che paghiamo. Ingiustificabile la flat tax per gli autonomi, una disparità di trattamento con i dipendenti che vale 8-10mila euro, anche di più per i pensionati. La legge di bilancio colpisce i poveri e aiuta gli evasori con misure inique. Il prossimo bersaglio della destra saranno welfare e servizi pubblici.

LEGGI L'ARTICOLO

Speranza: nessuno è impermeabile alla corruzione, non ci diano lezioni

Giovanna Casadio, la Repubblica

Sono arrabbiato. Nei sacchi del Qatargate tanti soldi quanti Articolo Uno ne riceve in un anno dal 2 per mille. Non posso accettare che quanto avvenuto getti un’ombra sulla nostra comunità di persone perbene che fanno politica in modo del tutto disinteressato. Sono per il massimo rigore ma senza fare di tutta l’erba un fascio. C’è una questione morale su cui tutti dobbiamo riflettere. Per noi la lezione di Berlinguer resta un patrimonio. Renzi e D’Alema? C’è una differenza oggettiva se sei un parlamentare in carica o se da dieci anni non siedi più in Parlamento.

LEGGI L'ARTICOLO

D’Alema: io un consulente, non un affarista. Indecenza quelle banconote

Tommaso Labate, Il Corriere della Sera

Non avrei mai potuto sospettare una cosa del genere e infatti la trovo un’indecenza, che merita una riposta ferma. Non trovo però accettabile che si prenda questa vicenda e la si usi come una clava per demolire una storia e una classe dirigente, facendo confusione tra cose che sono totalmente non assimilabili tra loro. Non ci sono nel mio caso porte girevoli; ma diverse stagioni nella vita che devono essere scandite da un rigido principio di incompatibilità.

LEGGI L'ARTICOLO

Speranza: nessun garantismo su Panzeri, siamo noi a chiedere chiarezza

Annalisa Cuzzocrea, La Stampa

Siamo profondamente scossi e increduli davanti alle ricostruzioni di queste ore. Sono enormità che non potevo nemmeno immaginare. Il modo in cui intendiamo la politica, la militanza e il rapporto con le istituzioni è totalmente incompatibile con quel che stiamo leggendo. I fatti che vengono ricostruiti, con tanto di flagranza di reato con cui bisogna fare i conti al di là di qualsiasi garantismo, sono quanto di più lontano ci possa essere da Articolo Uno.

LEGGI L'ARTICOLO

Scotto, lettera a Gad Lerner: più rispetto per Articolo Uno

Arturo Scotto, Il Fatto quotidiano

Su Panzeri nessun silenzio imbarazzato, ma semplicemente stupore e rabbia, sconcerto e incazzatura per una vicenda giudiziaria che rappresenta il tradimento della nostra vicenda politica collettiva. I primi a sentirsi parte lesa sull’affaire Qatar siamo proprio noi e lo ribadiremo in qualsiasi sede. Non dobbiamo curare alcuna malattia senile perché non ne siamo mai stati affetti. Se proprio vale il termine “ditta”, mi limito a dire che il suo capitale sociale è rappresentato da un patrimonio di valori e di persone che rivendica coerenza e pretende rispetto.

LEGGI L'ARTICOLO

Visco: serve mobilitazione popolare contro la flat tax e per un fisco giusto

Vincenzo Visco, Domani

Si sta lentamente facendo strada la consapevolezza della enorme gravità della tassazione forfettaria prevista per i lavoratori autonomi e le imprese individuali con fatturati inferiori a 85mila euro, invece dei 65mila già ora in vigore. È necessario a mio avviso sollecitare e mobilizzare l’opinione pubblica a tutti i livelli sulla enorme rilevanza dell’argomento, e su due proposte per iniziare. Si tratta di creare un movimento di massa sul “fisco giusto”, e portarlo avanti senza esitazioni e senza limiti. Il successo sarebbe garantito.

LEGGI L'ARTICOLO