https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/04/Megafono.svg

Le tesi per una forza ecosocialista

Ecco le tesi approvate dall'assemblea congressuale di Bologna il 7 aprile 2019 come Manifesto politico di Articolo Uno

LEGGI LE TESI
https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/04/Direzione-futuro-1.svg

Materiali grafici

Simbolo, bandiere, roll-up, volantini, campagne di comunicazione

SCARICA I MATERIALI
https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/05/fondamenta.svg

Trasparenza

Bilanci e documenti di legge

SCARICA I DOCUMENTI
  • immagine

    Ora ci serve un pensiero nuovo. La relazione di Speranza #Italiapiùgiusta

    LEGGI L'ARTICOLO
  • immagine

    Al governo per un’Italia più giusta. Sabato a Roma l’Assemblea Nazionale

    LEGGI L'ARTICOLO
  • immagine

    Uno: partecipa. Le iniziative del week end in vista dell’assemblea del 16

    LEGGI L'ARTICOLO

Rassegna stampa

Guerra: ripensare la stretta su auto e plastica, più tempo su uso contante

Lorenzo Salvia, Il Corriere della Sera

Fermo restando che ibride ed elettriche restano del tutto fuori dalla stretta, si potrebbe disegnare un intervento più leggero per le auto meno inquinanti. Così il principio generale verrebbe salvaguardato. Ma lo potremmo raggiungere attraverso gradini meno impervi. La plastic tax c’è in molti Paesi europei, credo che potrebbero essere esclusi i prodotti monouso che contengono plastica riciclata, oltre a quella compostabile che è già esentata. E si potrebbero rafforzare gli incentivi, già previsti, per le aziende che riconvertono il loro sistema produttivo dalla plastica tradizione a quella riciclabile o compostabile. Condivido assolutamente l’obiettivo di una transizione verso i pagamenti elettronici. Ma, considerato che si interviene su abitudini consolidate degli italiani, credo si possa procedere con una maggiore gradualità. Credo che il problema fondamentale sia il potenziamento dei fondi del piano per le non autosufficienze. Oggi se hai una pensione bassa è un problema grave, ma se ti devi fare anche aiutare diventa una tragedia. Se ne parla poco, ma le situazioni di vero disagio sono in aumento.

LEGGI L'ARTICOLO

Bersani: in Emilia Romagna si vince. E dopo, una costituente di sinistra

Stefano Morselli, Strisciarossa.it

Non basta elencare i risultati fin qui ottenuti, è il momento di proporre nuove idee. Di spiegare come si intendono affrontare i problemi di oggi – le nuove esigenze sanitarie, la crescita della popolazione anziana, la piena integrazione dei bambini nati da genitori di origine straniera… – con il coraggio e con l’apertura al cambiamento che l’Emilia Romagna ha sempre saputo dimostrare in altre fasi della sua storia. Secondo: bisogna riconoscere che ci sono stati anche degli errori. Fu demenziale, cinque anni fa, dopo le precedenti regionali, far finta di nulla di fronte al segnale clamoroso di una astensione al 63%. In Emilia Romagna, non so se mi spiego! Quello era, avrebbe dovuto essere, il vero shock. Chi guidava allora il Pd disse che l’importante era aver vinto, il resto contava niente. Una follia, davanti al vento di destra che già si avvertiva e che ha investito molte parti del mondo. Si è venuto sempre più sfilacciando quel legame di reciprocità che, almeno dalle nostre parti, garantiva un certo equilibrio politico, sociale, culturale. Come sinistra ci abbiamo messo del nostro, pensa alla vicenda grottesca della abolizione delle Province, poi mai davvero abolite però messe in ginocchio finanziariamente e istituzionalmente. Tra chi dirigeva il Pd all’epoca andava per la maggiore questa teoria: affamale che poi finiscono. Un altro errore grande. E’ necessario invece mettere mano alla ricucitura di un equilibrio del territorio, tra grandi e piccoli centri, tra città e provincia. Chi è sceso in piazza lo ha fatto spontaneamente, non ha un contenitore politico. Ci dice che là fuori, per fortuna e nonostante tutto, c’è un mondo che aspetta, che pretende che la sinistra ricominci a fare degnamente il proprio mestiere. Basta con la remissività, basta con la rassegnazione. E’ anche da cose come questa che tra alimento la mia convinzione sulla necessità, dopo le elezioni regionali, di una vera e propria costituente della sinistra, grande e inclusiva, in grado di parlare al cuore e alla testa delle persone.

LEGGI L'ARTICOLO

Errani: in Emilia Romagna un popolo che saprà battere egoismo e chiusura

Onide Donati, Strisciarossa.it

Il nostro è un progetto civico, progressista, ecologista e ha l’ambizione di dare rappresentanza politica alla piazza straordinaria di giovedì a Bologna. Intendiamo richiamare i valori fondamentali, l’identità, il sentimento delle nostre comunità che hanno fratto grande l’Emilia-Romagna. Sarebbe una catastrofe arretrare sulle idee di chiusura e di egoismo che in forme più o meno dirette ed arroganti propone la destra. Il ruolo dell’Emilia Romagna è dimostrare che insieme è possibile affrontare i cambiamenti meglio di come propone la destra. Questo governo è nato non solo per evitare l’aumento dell’Iva, che pure non è un risultato da poco, ma perché il paese ha bisogno di un progetto di cambiamento. Che significa aprire una fase nuova fondata su lotta all’evasione e per l’equità fiscale e il rilancio degli investimenti in un “green new deal”.

LEGGI L'ARTICOLO
CARICA ALTRI ARTICOLI

Scrivici