https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/04/Megafono.svg

Le tesi per la forza Rosso verde

Ecco le tesi che proponiamo come base della discussione della nostra comunità e di tutti quanti vorranno partecipare all'assemblea aperta del prossimo 16 dicembre a Roma.

LEGGI LE TESI
https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/04/Direzione-futuro-1.svg

Materiali grafici

Simbolo, bandiere, roll-up, volantini, campagne di comunicazione

SCARICA I MATERIALI
  • immagine

    Documenti: l’intervento di Fornaro su legge costituzionale referendum propositivo

    LEGGI L'ARTICOLO
  • immagine

    “Quello che c’è non basta. Ricostruiamo tutto”. Speranza a #Ricostruzione

    LEGGI L'ARTICOLO
  • immagine

    #IlVeroCambiamento: scarica qui i materiali della nostra campagna sulla manovra

    LEGGI L'ARTICOLO

Rassegna stampa

Speranza: lavoriamo tutti per migliorare la riforma del referendum

Roberto Speranza, Huffington Post

Il testo di riforma dell’articolo 71 della Costituzione, così come uscito dalla commissione, non è sufficiente a trovare quell’indispensabile punto di equilibrio tra la giusta volontà di allargare gli spazi di partecipazione democratica al processo legislativo e la necessità di preservare la democrazia rappresentativa come cardine del nostro impianto costituzionale. Per raggiungere questo obiettivo è necessario intervenire su alcuni punti dirimenti tra cui i limiti di materia, il giudizio preventivo di costituzionalità, la limitazione dei poteri dei proponenti e la revisione del meccanismo di ballottaggio che così come è configura un pericoloso scontro tra “Piazza e Palazzo”. Eppure durante la discussione in commissione sono stati fatti importanti passi avanti, primo fra tutti quello relativo al quorum approvativo del 25%.

LEGGI L'ARTICOLO

Panzeri: dopo Danzica la politica torni ad assumersi la responsabilità delle parole

Antonio Panzeri, Huffington Post

Sono ancora in corso gli accertamenti per capire cosa abbia spinto il 27enne ad accanirsi su Adamowicz, tuttavia è plausibile che il clima di odio diffuso nell’opinione pubblica, anche attraverso il duro linguaggio messo in atto dalla politica, abbia contribuito a mettere al centro della tempesta proprio colui che dedicava la propria vita a smontare questa retorica dell’intolleranza, il sindaco di Danzica. Questo episodio dovrebbe farci riflettere e dovrebbe convincerci a fare un passo indietro. La politica deve tornare ad assumersi la responsabilità delle sue parole. La Polonia non è solo chiusura e intolleranza. La Polonia, anche oggi, continua ad essere tutto quello che Adamowicz ci ha trasmesso con la sua attività di uomo e di politico. Ce lo hanno dimostrato anche le manifestazioni spontanee contro l’odio e l’intolleranza che hanno inondato le vie delle principali città polacche la sera della sua morte.

LEGGI L'ARTICOLO

Guerra: se evadi ti premio, ma se lo fai per avere il RdC ti mando in galera

Maria Cecilia Guerra, Huffington Post

Qual è la ragione per cui ci si dovrebbe accanire, con pene specifiche e più elevate, su chi imbroglia per ottenere il Reddito di cittadinanza rispetto a chi imbroglia per ottenere una qualsiasi altra prestazione pubblica? Perché l’evasione fiscale di chi poi chiede il Reddito di cittadinanza deve essere perseguita penalmente, mentre non lo è quella, spesso più rilevante dal punto di vista quantitativo, di chi evade costantemente le tasse in spregio all’intera collettività? Il cosiddetto saldo e stralcio, lungi dal metterle in galera, permetterà a persone che hanno barato sulla dichiarazione dei redditi (scovate dall’amministrazione finanziaria, poste in riscossione coattiva e che non hanno lo stesso pagato) di saldare con sconto le imposte dovute e non versate. E si può trattare di persone con un Isee ben superiore (più del doppio) a quello richiesto per accedere al Reddito di cittadinanza.

LEGGI L'ARTICOLO
CARICA ALTRI ARTICOLI

Scrivici