https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/04/Megafono.svg

Manifesto dei valori

"L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione". (Articolo 1 della Costituzione italiana). Il resto lo abbiamo scritto qui.

LEGGI IL MANIFESTO
https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/04/Direzione-futuro-1.svg

Materiali grafici

Simbolo, bandiere, roll-up, volantini, campagne di comunicazione

SCARICA I MATERIALI
https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/05/fondamenta.svg

Speciale "Fondamenta"

A Milano una tappa importante nella costruzione del nostro progetto.
Tutti i materiali e i video della tre giorni programmatica.

I MATERIALI
  • immagine

    Z40: il tuo 2×1000 ad Articolo 1 per Liberi e Uguali. Qui tutti i materiali della campagna

    LEGGI L'ARTICOLO
  • immagine

    Il paese reale protagonista: ecco le prime proposte di Liberi e Uguali

    LEGGI L'ARTICOLO
  • immagine

    Il Programma di Liberi e Uguali

    LEGGI L'ARTICOLO

Rassegna stampa

Bernabucci: la storia di Lula, homem de bem, non è ancora finita

Claudio Bernabucci, Huffington Post

Polemiche infuocate su di lui – una guerra civile di recriminazioni – lacerano il Brasile che scivola pericolosamente verso una restaurazione classista sempre più violenta, coi militari che rialzano la testa a chiedere la condanna dell’uomo più amato dal popolo e allo stesso tempo più detestato dall’altra metà del paese. Una cosa è certa: non è la magistratura di nessun paese che si voglia definire democratico abilitata a giudicare responsabilità politiche: queste spettano alla storia o magari, nel contingente, alla volontà espressa dai cittadini-elettori, cosa che in Brasile non potrà evidentemente avvenire

LEGGI L'ARTICOLO

Rossi: basta personalismi, a sinistra serve il Partito del lavoro

Mario Neri, Il Tirreno

La sinistra con Renzi e prima di Renzi ha rinunciato a rappresentare gli strati popolari che si sono rifugiati nell’astensione o nella protesta. Liberi e Uguali credo abbia avuto due limiti: primo, la gente ci ha assimilati al Pd. Secondo, a rappresentare Leu è stata una classe politica troppo esposta. Ora c’è bisogno di un nuovo partito della sinistra in Italia, che guardi ad un elettorato ben più ampio di quello raccolto da Leu. E deve essere una sinistra radicale e di governo, non estremista né gruppettara. Con un programma forte di cambiamento. Io rispetterò il mandato dei cittadini fino al 2020, se il Pd non mi toglie la maggioranza.

LEGGI L'ARTICOLO

Geloni: i 101 cinque anni dopo. La vera domanda non è “chi” ma “perché”

Chiara Geloni, Strisciarossa.it

Dato per acquisito (per quanto possibile) il “chi”, è però forse oggi ancora più interessante e attuale chiedersi il “perché”. Al contrario che nella ricerca dei nomi – dove il presente, cioè quanto avvenuto dopo nel Pd, ci aiuta a illuminare il passato –, nella ricerca dei motivi sono i fatti di cinque anni fa a dare significato allo stallo di questi giorni: in cui non a caso vediamo un vincitore delle elezioni – che per la verità, anche lui, è soltanto “arrivato primo” – invocare i voti necessari per “far partire un governo di cambiamento”, con le stesse precise parole che usava cinque esatti anni fa Pierluigi Bersani.

LEGGI L'ARTICOLO
CARICA ALTRI ARTICOLI

Scrivici