https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/04/Megafono.svg

Manifesto dei valori

"L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione". (Articolo 1 della Costituzione italiana). Il resto lo abbiamo scritto qui.

LEGGI IL MANIFESTO
https://articolo1mdp.it/assets/uploads/2017/04/Direzione-futuro-1.svg

Materiali grafici

Simbolo, bandiere, roll-up, volantini, campagne di comunicazione

SCARICA I MATERIALI
  • immagine

    Speranza eletto all’unanimità coordinatore nazionale. La sua relazione

    LEGGI L'ARTICOLO
  • immagine

    Conferenza politico organizzativa: tutto sulle assemblee territoriali e nazionale

    LEGGI L'ARTICOLO
  • immagine

    Z40: il tuo 2×1000 ad Articolo 1 per Liberi e Uguali. Qui tutti i materiali della campagna

    LEGGI L'ARTICOLO

Rassegna stampa

Epifani: Di Maio è contro il Jobs act solo a parole, su articolo 18 è rimasto in silenzio

Roberto Ciccarelli, il manifesto

Il decreto è un’occasione persa, ha un titolo molto bello, la dignità del lavoro e dell’impresa, ma non riesce, o non vuole, raggiungere l’obiettivo che si propone. In campagna elettorale Di Maio ha usato parole nettissime contro il Jobs Act, ma sulla reintroduzione dell’articolo 18 non ha proferito parola. Mi colpisce che, LeU a parte, la stragrande maggioranza degli interventi delle forze politiche consideri solo il punto di vista delle imprese e mai anche quello del lavoro. Se deve rinascere un processo di rigenerazione della sinistra, sarebbe bene che fosse ancorata all’idea del lavoro. Va bene il civismo, le Ong, ma penso che il lavoro deve essere il nucleo essenziale attorno al quale ricostruire una rete sociale e economica più ampia, una grande opzione laburista di partito e di movimento. Da dove abbiamo perso, dobbiamo ripartire.

LEGGI L'ARTICOLO

Rossi: Salvini ha reso la xenofobia più accettabile. Finiremo per barricarci in casa

Michael Braun, Die Zeit online

Viene diffusa l’idea che l’Italia stia subendo un’invasione di immigrati. Questa è un’idea sbagliata. Accompagna l’affermazione che l’immigrazione è la causa di tutti i problemi e le difficoltà in Italia. Un dibattito di questo genere produce soltanto il razzismo. L’Italia non può usare i rifugiati per ricattare l’Europa. Allo stesso tempo è contraddittorio che Roma cerchi la vicinanza di chi in Europa si oppone a qualsiasi loro ridistribuzione. In Toscana gli elettori si sono sentiti traditi dal Partito democratico a guida Matteo Renzi. Perché ha perseguito una politica economica e sociale di destra. E ora abbiamo ricevuto il conto di questa politica. Ma adesso c’è la speranza che possiamo tornare a una politica più di sinistra, più giusta. Non c’è altra possibilità.

LEGGI L'ARTICOLO

Speranza: Salvini semina odio e violenza, ma i 5 Stelle non sono come lui

Guido Ruotolo, Tiscali News

È inaccettabile che un ministro di un governo della Repubblica si spinga in una corsa al consenso rovesciando ogni giorno il sistema dei valori guida che hanno fondato la nostra repubblica. Per fortuna abbiamo Mattarella. Tra le diverse anime dei Cinque Stelle ci sono anche pezzi di elettorato democratico che votava a sinistra. Noi dobbiamo sfruttare le contraddizioni tra i Cinque Stelle e la Lega e farle esplodere. A sinistra tutti abbiamo fallito: il tema che abbiamo di fronte è come rimettere la sinistra in sintonia con il Paese. È stato un errore gravissimo del Pd non ricercare un dialogo con i Cinque Stelle spingendoli nell’abbraccio mortale con la Lega. Credo che dobbiamo riprendere a fare politica con passione e intelligenza, cercando il dialogo sulle questioni sociali.

LEGGI L'ARTICOLO
CARICA ALTRI ARTICOLI

Scrivici