D’Attorre: perché l’uscita di Renzi è un’opportunità per la sinistra

| Politica e Primo piano
Alfredo D’Attorre, Il Foglio

La riflessione di Bettini sui compiti del Pd post-renziano è molto interessante. Non solo per l’autorevolezza dell’autore, ma per lo sforzo di misurarsi fino in fondo con una realtà radicalmente mutata rispetto al momento di nascita di quel partito. Il Pd è nato male non perché ha provato a costruire una sintesi nuova tra radici culturali inconciliabili, ma perché ha rinunciato fin quasi dal principio a questo tentativo, attestandosi su un nuovismo post-ideologico che si è rivelato ben presto la foglia di fico di una totale subalternità alla narrazione iper-ottimistica della globalizzazione neo-liberale. Erano gli anni in cui i libri e gli editoriali sul perché “il liberismo è sinistra” trovavano diverse orecchie attente nei fondatori del Pd (e, a essere onesti, nei DS non meno che nella Margherita). Sta qui il paradosso di un partito che, nato all’insegna della retorica del superamento del Novecento e delle vecchie appartenenze, si è ritrovato a essere culturalmente anacronistico già pochi mesi dopo la sua fondazione, allo scoppio della grande crisi globale e del tramonto delle illusioni liberiste. Se il Pd ascolterà Bettini e aprirà questa discussione sui fondamentali, non sarà una discussione che interesserà e riguarderà soltanto chi oggi è nel Pd.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

D’Attorre: l’uscita di Renzi certifica l’inadeguatezza originaria del Pd

| Politica e Primo piano
Alfredo D’Attorre, strisciarossa.it

L’uscita di Renzi, al di là delle sue ambizioni o illusioni, è semplicemente la certificazione finale dell’inadeguatezza del progetto originario del Pd. In un mondo in cui torna la politica e la necessità di idee e identità forti, la suggestione di un partito in grado di reggersi solo su presupposti metodologici – l’apertura, le primarie, il pluralismo -, senza una cultura politico-economica e una lettura della fase storica minimamente condivisa, mostra definitivamente la corda. Allo stesso tempo (e qui c’è un elemento di riflessione per chi come me e altri a un certo punto ha diviso il proprio percorso da quello del PD), esso rimane un giacimento grande e indispensabile di energie democratiche, nonostante gli errori e le sconfitte degli anni scorsi. Si tratta allora di affrontare adesso assieme al Pd un duplice compito. Accettare in termini costruttivi la sfida egemonica di Renzi e far prevalere nel centrosinistra una cultura politica e un’agenda programmatica in grado di rispondere al bisogno di protezione, dignità del lavoro, riduzione delle disuguaglianze, ricostruzione dello Stato, che la società italiana ha espresso nel voto del 4 marzo. E fare in modo che questo nuovo indirizzo strategico del centrosinistra si traduca in una efficace azione di governo.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Bersani: a sinistra serve un patto nuovo che vada oltre il Pd

| Politica e Primo piano
Annalisa Cuzzocrea, la Repubblica

Basta inseguire un centro che è l’araba fenice, serve un progetto largo per combattere la destra, che è ancora qui. Se cerchiamo di farlo con i vecchi attrezzi, le soluzioni organizzative, le porte girevoli, ci arriviamo l’anno del mai. Serve un gesto politico forte e generoso. Un passaggio creativo. Senza inseguire equilibrismi centristi. Che sia un’alleanza, una federazione, o qualcosa di completamente nuovo, si decide nel percorso. Articolo Uno vuole essere il fermento di questo processo, come si vede in questa festa, dove abbiamo invitato Conte, Tsipras, Marco Bellocchio. Renzi insegue la sua vocazione con altri mezzi. Che avesse in testa un partito personale, orientato al centro, per tagliare ogni ponte perfino coi simboli della sinistra, lo ha dimostrato negli anni in cui è stato nel Pd. Ha aperto un varco alla destra nei ceti popolari, e quella destra ha buttato giù una a una le nostre roccaforti. È stata questa l’origine del nostro strappo, non si azzardino a paragonarlo ad altri.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Scotto: cambieremo l’Italia e l’Europa con un’alleanza progressista

| Politica e Primo piano
Argiris Panagopoulos, Avgi – Quotidiano di Syriza

Abbiamo mandato via Salvini e affrontiamo la sfida di un nuovo governo e la creazione di una nuova sinistra pluralista. Renzi gioca a poker, ma dobbiamo rivolgerci, come Alexis Tsipras e Syriza, agli strati sociali più deboli, la stragrande maggioranza della società per far uscire il paese dalla crisi e vincere Salvini anche nelle urne. La crisi economica e sociale in Italia ha causato l’indebolimento della classe media e, di conseguenza, le ragioni di una moderazione, mentre ha radicalizzato la scena politica. La sfida è riuscire a creare, con l’aiuto del Pd di Zingaretti e di Liberi ed Uguali, una nuova forza politica socialista, ambientalista, laburista, che ospiterà l’intera sinistra italiana dopo anni di frammentazione, lacerazioni e divisioni.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Speranza: naturale l’alleanza coi 5 Stelle, ora un grande partito del lavoro

| Politica e Primo piano
Salvatore Cannavò, Il Fatto quotidiano

Siamo stati sempre convinti che il muro di incomunicabilità tra M5S e campo democratico dovesse cadere. Lo abbiamo detto nel 2018, ma lo avevamo già fatto nel 2013. Per noi la nascita di questo governo è un successo perché il dialogo tra M5S e centrosinistra può consentire di reimpossessarci della questione sociale che la destra ci ha sfilato negli ultimi anni. La sinistra è stata incapace di rappresentare una forte domanda di protezione che emergeva in modo particolare dai ceti medi e da quelli più deboli. Il rapporto tra noi e M5S è naturale perché può basarsi su aspetti fondamentali della cultura costituzionale. Anche per questo penso siano necessarie alleanze a tutti i livelli amministrativi. A sinistra oggi quello che c’è non basta e quel che serve ancora non c’è. Vorrei lavorare a quel che serve, una grande forza del lavoro. La Costituzione è il mio programma e io difenderò il sistema sanitario nazionale universale.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Scotto: la Ditta non rientra, pensiamo insieme a una nuova forza laburista

| Politica e Primo piano
Daniela Preziosi, Il manifesto

Entrare nel Pd oggi che Renzi annuncia di uscirne? Calma. Noi siamo più ambiziosi. Siamo nati dicendo che manca in Italia una forza socialista e laburista. L’analisi resta la stessa. Il punto dunque non è quello che fa Renzi, ma quello che fa il Pd. Serve discontinuità rispetto al governo M5S-Lega. Ma anche rispetto agli ultimi governi del Pd. Non mi piace la boria di partito quindi figuriamoci la boria di partitino. Però oggi sappiamo che nessuno è autosufficiente, e che è fallito il modello del Pd, di cui Renzi è figlio legittimo. Serve una costituente per un nuovo soggetto di sinistra. Ne parleremo da domani a #UNICA, la nostra Festa del lavoro al quartiere Testaccio a Roma.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Fornaro: l’asse solido con il M5S può spingere Renzi fuori dal Pd

| Politica e Primo piano
Valerio Valentini, Il Foglio

A Bersani si dovrebbe innanzitutto chiedere scusa, visto che quando disse, tre anni fa, che il M5S è un partito radicale di centro, fu sommerso dalle critiche. Il modo in cui il M5S si è lasciato manipolare dalla Lega dimostra la loro identità malleabile. Ma appunto per questo sarebbe un errore respingerli a priori. Una fuoriuscita di Matteo Renzi dal Pd, se l’alleanza col M5s si strutturasse meglio, sarebbe nelle cose. Un po’ perché lui non sa e non può fare il secondo di nessuno, e un po’ perché lui appartiene a una storia che non è certo assimilabile a quella della sinistra. La sua cultura è di tipo liberal-democratico, più affine a una forza di centro moderno e riformista.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Guerra: redistribuire le tasse sarà la mia prima missione

| Politica e Primo piano
Luca Gardinale, La Gazzetta di Modena

Credo che le esperienze maturate nei governi precedenti potranno aiutarmi, anche se si tratta di un incarico di grande responsabilità. Definiremo le priorità insieme al ministro Gualtieri, vista la delicatezza del lavoro da fare. Per quanto mi riguarda, uno dei temi che vanno presi in carico al più presto resta quello del contrasto all’evasione fiscale, che rappresenta la via maestra per riuscire a redistribuire il carico delle tasse. Non avevo dubbi, e come il mio partito ho sostenuto che fosse necessario tenere aperto un dialogo con M5S, un partito che ha tante persone con cui condividere diverse cose: per questo credo che la prospettiva di questa alleanza possa essere di medio-lungo periodo.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO