E invece io vi dico che nonno Libero è l’uomo giusto all’UNESCO. Ecco perché

| Cultura Lino Banfi, nonno Libero e Unesco

Se Banfi cercherà di rendere la Commissione più “popolare” egli non solo seguirà le migliori pratiche internazionali in materia, ma interpreterà lo spirito più antico e autentico dell’UNESCO, quello della cultura come ponte fra persone e comunità, unite dal riconoscimento della comune dignità umana.

Gabriele D'amico

Torinese, avvocato, appassionato di diritto ed economia della cultura, dottorando fra Berlino e Gerusalemme in diritti umani e diversità culturale. Consapevolmente olivettiano, credo nella capacità umana di superare la gregarietà del sistema limbico e ragionevolmente spero in un futuro di sviluppo umano integrale.

LEGGI L'ARTICOLO

Quale Pace per Gerusalemme? Un’idea culturale. E italiana

| Cultura gerusalemme, gestione conflitti, Speranza e Unesco

Iniziare a fare la Pace a partire dal patrimonio culturale. Un modello di gestione dei conflitti che l’Unesco ha sperimentato. E si può esportare.

Gabriele D'amico

Torinese, avvocato, appassionato di diritto ed economia della cultura, dottorando fra Berlino e Gerusalemme in diritti umani e diversità culturale. Consapevolmente olivettiano, credo nella capacità umana di superare la gregarietà del sistema limbico e ragionevolmente spero in un futuro di sviluppo umano integrale.

LEGGI L'ARTICOLO

La matriciana patrimonio dell’Unesco? Difficile da digerire

| Cultura amatrice, Martina, matriciana e Unesco

Il ministro Martina candida la tradizione amatriciana a patrimonio Unesco. Senza nulla togliere alla pasta, sarebbe meglio darsi obiettivi più sostanziosi

Gabriele D'amico

Torinese, avvocato, appassionato di diritto ed economia della cultura, dottorando fra Berlino e Gerusalemme in diritti umani e diversità culturale. Consapevolmente olivettiano, credo nella capacità umana di superare la gregarietà del sistema limbico e ragionevolmente spero in un futuro di sviluppo umano integrale.

LEGGI L'ARTICOLO