Speranza: la destra è l’avversario, dividendo il campo la stiamo favorendo

| Politica e Primo piano
Monica Guerzoni, Il Corriere della Sera

Con la comunità di Articolo Uno abbiamo deciso di costruire la lista Democratici e Progressisti, di cui siamo cofondatori e che è il vero fatto nuovo di questa campagna elettorale: stare insieme è solo il primo passo, bisogna costruire una forte agenda sociale. Ma dinanzi a una destra simile io continuo a pensare che sia un errore dividere il campo dell’alternativa. Invito tutti alla riflessione. So che è molto dura, i toni forti di Conte e la posizione ferma del Pd danno il quadro di una rottura oggi insanabile, ma continuerò a dire fino all’ultimo momento utile che l’avversario è la destra e che dividendo il campo della potenziale alternativa la stiamo favorendo. A tutti chiedo di non sottovalutare le conseguenze di questa spaccatura nei collegi uninominali.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Sì alla lista dei democratici e progressisti. Il dispositivo della Direzione

| Politica e Primo piano

Articolo Uno, confermando la sua autonomia politica e organizzativa, costituisce la lista in piena coerenza con il mandato congressuale

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Bugani: vado con Bersani. Nel M5S da tre anni manca un percorso

| Politica e Primo piano
Emanuele Buzzi, Il Corriere della Sera

Articolo Uno è un piccolo partito fatto però da idee chiare e limpide. Mi tuffo in questo progetto insieme a tutto il gruppo bolognese che lavora con me da tanti anni. Mi piacciono le sfide. Con Bersani ci sentiamo da anni e più ci sentiamo più aumenta la mia stima nei suoi confronti. Non ho nessun rancore, nel M5S ci sono persone alle quali sono legato umanamente da diciassette anni e alle quali auguro il meglio, ma da soli non si va da nessuna parte.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Scotto: non rinnego l’era giallorossa. In politica è un errore dire mai più

| Politica e Primo piano
Umberto De Giovannangeli, Il Riformista

Conte non ha capito che accelerando la crisi avrebbe scavato un solco col centrosinistra. Un accordo programmatico pare impossibile, altra cosa è un accordo tecnico. Evitiamo che la destra faccia cappotto. La lista “Democratici e progressisti” annunciata. da Letta va nel solco dell’obiettivo dichiarato dal congresso di Articolo Uno: unire e rinnovare la sinistra a partire dall’appartenenza al socialismo europeo.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Oggionni: noi per Italia democratica e progressista, ci siano anche i 5 Stelle

| Politica e Primo piano
Simone Oggionni, l’Huffington Post

Non sarà – come sembrava da alcune interviste – una lista del Pd nella quale candidare alcune personalità o singoli individui. Letta riconosce esplicitamente il ruolo e il contributo del nostro movimento politico ed è un segnale nella direzione della novità politica che invochiamo da tempo. Facciamo bene a ribadire, come ha fatto Bersani, che non avrebbe senso mettere veti, innanzitutto nei confronti del Movimento Cinque Stelle. Ma con franchezza diciamoci che non dipende più soltanto da noi. E in politica devi essere pronto a scegliere e ad agire anche qualora lo scenario non sia il migliore in assoluto.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Scotto: sì a Letta ma agenda sia socialista e green non quella di Draghi

| Politica e Primo piano
Giuseppe Greco, Adnkronos

Bisogna partire dall’identità delle operazioni politiche e l’identità dei Democratici e progressisti deve essere socialista e ecologista. Non può esistere una agenda Draghi visto che il governo Draghi nasce senza formula politica. E in campagna elettorale non puoi presentarti senza formula politica, sei invisibile. Dopo l’errore  grave di aver fatto cadere il governo Draghi e diventare strumento dell’estrema destra, con i 5 Stelle un accordo tecnico può darsi sia una strada percorribile, un tentativo va esperito.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Oggionni: il campo progressista esiste e va oltre l’agenda Draghi

| Politica e Primo piano
Simone Oggionni, Domani

Il programma noi lo abbiamo già: è il frutto del lavoro di questi anni e di questi mesi dei nostri dipartimenti di lavoro. Non è l’agenda Draghi, che non è chiaro cosa significhi senza Draghi e oltre Draghi. Ma è un’agenda laburista. Quando diciamo che agitare lo spauracchio della destra alle porte non è sufficiente ed occorre mettere in campo la forza e la credibilità di un progetto di sinistra, legato al lavoro e ai suoi bisogni, popolare, radicale e di governo, diciamo questo: che  abbiamo un programma e con quello vogliamo parlare nei prossimi due mesi al Paese.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Scotto: dopo Draghi, alla sinistra serve un’agenda laburista

| Politica e Primo piano
Francesco De Palo, Formiche.net

Dobbiamo presentarci con un’agenda laburista chiara e netta, non con un generico appello alla continuità con Draghi senza Draghi. La destra come dice Bersani è già nel corridoio. Provare a spingerla fuori è un dovere. E noi vogliamo provarci. Bisognerà coniugare determinazione e realismo. Anche nel rapporto con Conte, che oggi è oggettivamente più difficile. Ma io non penso che in questo momento il tema sia buttare fuori qualcuno.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO

Errani: la crisi andava evitata. Al Paese serve una svolta a sinistra

| Politica e Primo piano
Adolfo Spezzaferro, L’Identità

Io non ho condiviso la scelta fatta dai 5 Stelle in senato, ma le questioni da loro poste con i nove punti erano e sono più che fondate. Non ho mai creduto all’uomo solo al comando  agli uomini della Provvidenza. Draghi è una delle persone più illustri e autorevoli che esprima il nostro Paese e questo è un grande valore, ma non basta: c’è una destra che ha il segno, ahinoi, che conosciamo, i progressisti devono mettere in campo un’idea di Paese alternativa.

Articolo1mdp Articolo1mdp

LEGGI L'ARTICOLO