Speranza: un piano straordinario per prevenzione e sicurezza sul lavoro

Intervento alla Camera (video)

L’Articolo 1 della Costituzione è negato nell’esistenza e nella vita concreta di troppe persone; disoccupati, vittime del lavoro nero, partite Iva, artigiani in difficoltà, persone che hanno perso la vita e le famiglie di queste persone. Tre morti al giorno, un bollettino di guerra. Su questa materia c’è bisogno di un piano straordinario per la prevenzione e la sicurezza, facendo dialogare le forze politiche e coinvolgendo le forze sociali.

LEGGI L'ARTICOLO

Mognato: “Niente da nascondere, sono tornato al mio lavoro di commesso”

Alda Vanzan, Il Gazzettino

C’è chi si mostra stupito che con la politica non abbia trovato un’altra “sistemazione”, alcuni si mostrano rispettosi, altri non nascondono la soddisfazione. Glielo leggi in faccia: “adesso te toca lavorare”. Ma io non ho niente da nascondere, sono tornato al mio lavoro. Siamo tornati indietro. Io, che avevo iniziato come delegato Cgil e mi ero battuto per regolarizzare gli “stagionali”, ho trovato maggiore precarietà, più contratti a termine. La sfida oggi è mettere in campo un progetto progressista alternativo, ma ci vuole tempo. 

LEGGI L'ARTICOLO

Scotto: ora serve una sinistra non subalterna e all’altezza della crisi

Arturo Scotto, Left

Alla sinistra in tutte le sue articolazioni, oggi si pone una domanda di fondo: come difendere la democrazia, le sue regole, i suoi principi senza abdicare a una lettura critica della fase. Le cause che hanno condotto i populisti sulla soglia del Governo sono ancora tutte lì. Il tema ora è come si combattono le conseguenze politiche che portano alla Flat Tax, alla xenofobia, al sovversivismo delle classi dirigenti. E serve una sinistra che sia all’altezza della grandezza della crisi né subalterna al neoliberismo né al neosovranismo. La sfida sta tutta qui.

LEGGI L'ARTICOLO

Il tempo della generosità e della chiarezza. Una proposta di LeU

Non serve un indistinto fronte repubblicano, un’ammucchiata in difesa dell’esistente, ma una proposta che sappia ricucire le divisioni del passato dentro una nuova stagione politica. Serve una scossa! Serve un nuovo campo di forze che parta dalla necessaria discontinuità di contenuti, di metodi, di gruppi dirigenti.

LEGGI L'ARTICOLO

Paolucci: Ue, candidare alla presidenza Moscovici sarebbe un suicidio

Daniela Preziosi, Il manifesto

Nulla di personale contro Moscovici, ma la sua candidatura è sbagliata. Non si può sostenere la necessità di una svolta delle politiche dell’Ue e poi candidare al posto di Junker il suo commissario alle politiche economiche e monetarie. In tanti, nel campo socialista, esprimono riserve. Serve un’altra candidatura. La crisi dei socialisti europei è nell’incapacità di dare risposte adeguate alla crisi del capitalismo che non è più in grado di garantire uno sviluppo stabile e duraturo. È un problema di cultura politica.

LEGGI L'ARTICOLO